viaggiare in aereo con il cane
Esperienze di viaggio

Viaggiare in aereo con il cane: la procedura da seguire per volare serenamente.

Non avevo mai pensato di dover viaggiare in aereo con il cane, invece qualche anno fa, ho dovuto affrontare un viaggio con la mia canina. Non è stato affatto semplice, per questo ho deciso di darti qualche consiglio nel caso tu debba affrontare un viaggio simile

Cinque anni fa mi sono trasferita per uno stage universitario a Fuerteventura. Dopo qualche mese dal mio arrivo ho trovato su una spiaggia dietro casa una piccola cucciola di cane tutto nero. È stato amore a prima vista. Sapevo che sarei dovuta tornare in Italia alla fine dello stage e che sarebbe stato difficile portarsela dietro, perc questo cominciai a cercare qualcuno interessato a tenerla. In realtà… detto fra me e te.. non ci ho nemmeno mai provato fino in fondo perché ormai eravamo diventate una cosa sola!
Alla fine del mio stage e al ritorno a casa, ovviamente, Duna era ancora con me. Dovevo prendere un aereo, come avrei potuto tornarla a casa? Inizio ad informarmi, la procedura non è poi così difficile ma abbastanza lunga e noiosa.
Duna duerteventura viaggiare in aereo con il cane
Ecco passo passo la procedura da seguire per viaggiare in aereo con il cane:
– Assicurarsi che la compagnia aerea sia attrezzata per il trasporto animali. Non tutte le compagnia aeree lo sono. Io per esempio per la tratta Fuerteventura – Pisa ho sempre preso Ryanair. Purtroppo, però, la compagnia non è attrezzata per il trasporto di animali in stiva per questo mi sono dovuta rivolgere a Iberia o Meridiana (diventata poi Air Italy e ora non più operativa) e fare due scali.
– Se il cane pesa meno di 8 kg potrà salire in cabina con il proprietario, se invece supera gli 8 kg dovrà essere messo in stiva, per questo è importante accertarsi che la compagnia sia ben attrezzata.
– Dovrai comprare un trasportino per poter mettere all’interno il cane, questo dovrà essere sufficientemente grande perché il cane possa girare e possa alzarsi in piedi senza picchiare la testa. Ti consiglio di comprare il trasportino diverse settimane prima della partenza, posizionarlo in un luogo della casa in cui il tuo cane passa parecchio tempo e senza la porta. Mettici dentro coperte e giochi. In questo modo si abituerà a vederlo tutti i giorni e comincerà ad entrarci da solo senza fargli subire un trauma il giorno della partenza.
– Biglietto aereo a nome del cane. È un biglietto specifico per il cane, va fatta richiesta alla compagnia la quale deve verificare la disponibilità di posti e deve accettare la richiesta. Io consiglio di rivolgersi ad un’agenzia di viaggi per effettuare la procedura ed essere tranquilli.
– Passaporto sanitario del cane. Rilasciato dal veterinario o dall’anagrafe canina.
– Vaccini obbligatori
– Microchip
– Foglio di visita medica rilasciato dal veterinario, effettuata 24/48 ore prima del viaggio, che attesta che il cane non presenta malattie al momento della partenza.
Ammetto che è stato una preoccupazione per tutto il viaggio ed è stato stressante non tanto per me ma per Duna.

Consiglio di far volare il cane in aereo (soprattutto in stiva) solo se strettamente necessario.

Consiglio, inoltre, di richiedere tutte le informazioni necessarie al proprio veterinario poiché le procedure cambiano di anno in anno e da paese a paese.
Se hai bisogno di altri chiarimenti scrivimi le tue domande nei commenti o inviami una mail a info@elenatraveldesigner.com , oppure compila questo form! , sarò felice di aiutarti a chiarire tutti i tuoi dubbi e preoccupazioni (fidati, ci sono passata anche io e so cosa si prova), raccontarti la mia esperienza più nel dettaglio e  consigliarti le cose da comprare.

Inoltre, come Travel Designer, potrò esserti di aiuto nella prenotazione del biglietto aereo per te e per il tuo amico a 4 zampe!

Autore del sito e del progetto Turisting

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You cannot copy content of this page